Fantasmi e Paranormale: L'Uomo Senza Faccia di Pawleys

Nell’Isola di Pawleys, poco distante dalla costa del Sud Carolina, si racconta di un uomo in grigio, senza faccia, che farebbe la sua apparizione poco prima dell’arrivo di un uragano. In passato, prima che le moderne tecnologie consentissero di prevedere con largo anticipo l’arrivo degli uragani, l’Uomo In Grigio era considerato sull’isola un vero e proprio salvatore di vite umane.

 La sua identità è ancora oggi sconosciuta. Per alcuni sarebbe il fantasma di Percival Pawley, il primo uomo a raggiungere l’isola e a darle il nome. Secondo altre leggende popolari, invece, il fantasma sarebbe quello del cugino e amante di una ballerina di Charleston del 18esimo secolo.

Secondo la leggenda, la ballerina di Charleston era una donna molto bella, colta e di buone maniere che avrebbe potuto aspirare al matrimonio con qualsiasi uomo facoltoso e importante del paese. Contrariamente al volere della famiglia, però, la donna si innamorò di un cugino, molto più giovane di lei e dal futuro incerto. I rispettivi genitori, per evitare scandali, decisero quindi di mandare il cugino a lavorare in Francia. 
Nonostante il giovane avesse giurato di tornare in patria per sposare la ragazza, diversi mesi dopo la sua partenza arrivò la notizia della sua morte, a seguito di una rissa avvenuta a Parigi. 

La ballerina soffrì moltissimo per la notizia e solo dopo diversi anni di vita in solitudine si decise a sposare un amico di vecchia data, che era da poco diventato vedovo. I due presero casa in un terreno vicino Charleston, ma ogni anno passavano il periodo tra Maggio e Ottobre sull’isola di Pawleys, dove le correnti del mare tenevano lontane le zanzare portatrici di malaria che infestavano la zona costiera.

Nel 1778 il marito venne richiamato nell’esercito per combattere nella Rivoluzione Americana. Nel  frattempo la donna partì da casa per trasferirsi a Pawleys, a seguito del sopraggiungere dei mesi “della febbre”. Mentre si trovava sull’isola, un uragano ne investì le coste affondando una traghetto. A seguito di lunghe ricerche in mare, si concluse che tutti gli occupanti erano morti tra le onde.

Durante la stessa notte, però, un sopravvissuto dal naufragio emerse dalle acque e raggiunse la porta di casa della giovane donna, in cerca di aiuto. Quando aprì la porta, la ballerina riconobbe in quell’uomo il cugino che tutti credevano morto in Francia e che lei aveva tanto amato.
Sconvolto dall’apprendere che la donna non lo aveva atteso e si era sposato, il giovane tornò a Charleston e morì pochi mesi dopo di malaria.

In seguito il marito tornò dal fronte e la donna trascorse il resto della sua vita con lui, senza mai raccontargli di quello che era accaduto. Da allora, però, ogni volta che la famiglia si trasferiva a Pawleys la donna veniva perseguitata da una figura in grigio, che la osservava tutte le notti dalla spiaggia fuori casa.  Quando, una notte, la donna decise di avvicinarsi per capire chi fosse, scoprì che quella figura era senza volto.

Da allora l’apparizione divenne visibile a molte altre persone, sempre in coincidenza con l’arrivo di un uragano. Abitanti del luogo hanno dichiarato di aver visto la misteriosa figura prima degli uragani del 1822, 1893, 1916, 1954 e 1955.