Fenomeni Paranormali e Spiritismo: Il Rapping

Il rapping (in italiano “bussare” o “colpire”) è uno dei più antichi sistemi per stabilire un presunto contatto con gli spiriti dell’aldilà. Il rapping include qualsiasi tipo di “bussata”, “colpo", “ticchettio” o "rumore" che può essere identificato come parte di un messaggio proveniente da una entità paranormale.

Le cronache di Rodolfo di Fulda, già nel nono secolo facevano riferimento a comunicazioni con misteriose intelligenze mediante i colpi. Paracelso, fisico e chimico del 16esimo secolo, chiamava questi rumori “pulsatio mortuorum” e li identificava alla stregua di presagi di morte.

Ma fu solo nella metà del 1800, quando Kate e Maggie Fox iniziarono ad ottenere risposte dagli spiriti attraverso “i colpi” nelle loro sedute spiritiche a New York, che il fenomeno della comunicazione con l’aldilà ottenne la massima diffusione presso la gente comune.

All’inizio la comunicazione con gli spiriti era molto semplice: due colpi per “si” e un colpo per “no”. In seguito David Fox, fratello delle medium Kate e Maggie, sviluppò un vero e proprio alfabeto composto dai colpi, attraverso il quale gli spiriti erano in grado di comporre lunghi e complessi messaggi.
La scoperta dell’alfabeto, grazie anche ad un massiccio interessamento dei media, fece in poco tempo il giro di tutta l’America, dando vita a circoli spiritici in quasi tutte le case, dove apprendisti medium cercavano ogni sera la comunicazione con i propri cari defunti. 

Illusionisti famosi, come Harry Houdini, offrirono numerose spiegazioni del fenomeno del rapping. Secondo alcuni erano le stesse sorelle Fox a generare i rumori, con particolari tacchi applicati alle scarpe che producevano forti colpi con un minimo movimento della gamba. L’effetto di rumori uditi da altre parti della stanza era poi prodotto con l’aiuto di qualche spettatore compiacente.

Secondo l’antropologo Andrew Lang, se gli spiriti davvero avessero desiderato comunicare con i viventi, senza dubbio non avrebbero scelto un sistema così complesso e laborioso come quello dell’alfabeto dei colpi.  Di opinione opposta fu invece il ricercatore psichico Charles Richet, il quale scrisse in alcuni articoli che il fenomeno del rapping era la dimostrazione chiara ed evidente dell’esistenza di intelligenze non-umane.
Secondo il medium  D.D. Home, invece, gli spiriti “dovevano” forzatamente emettere questi colpi. Secondo la sua teoria, infatti, le entità che rimanevano nell’atmosfera terrestre si caricavano di elettricità statica della quale si liberavano producendo i famosi colpi.

Indipendentemente da tutte le motivazioni addotte, comunque, il “rapping” rimane ancora oggi un fenomeno misterioso, spesso collegato a casi, talvolta molto gravi, di Poltergeist e di infestazioni spiritiche.