Fantasmi e Paranormale: Il Fantasma di Cheltenham

La storia del fantasma di Cheltenham è anche chiamata “Il Caso Morton”, dal nome della famiglia nella cui casa si sono verificati gli avvenimenti paranormali.

Il fantasma protagonista della storia è quello di una donna, apparsa in un arco di diversi anni da almeno 17 persone, molte delle quali all’oscuro degli avvistamenti avvenuti in precedenza. Il fantasma di Cheltenham è inoltre uno tra i casi di infestazione più studiati della storia.

La casa di Cheltenham venne costruita nel 1860. Si tratta di una casa in legno, suddivisa in tre piani e con un ampio giardino sul davanti. Dopo la morte dei primi inquilini, gli Swinhoe, la casa venne affittata dal signor L., che vi morì appena sei mesi dopo esservi trasferito. La casa quindi rimase sfitta per più di quattro anni, finchè la famiglia Despard non la acquistò. La famiglia Despard era composta da marito, moglie, due figli maschi e tre figlie femmine.

Fu proprio durante il periodo di permanenza dei Despard che le apparizioni divennero più frequenti. Si seppe infatti in seguito che strane presenze erano state rilevate anche dagli inquilini precedenti. Rosina, la figlia 19enne risultò essere il membro della famiglia più ricettivo alla presenza paranormale. 

La prima esperienza si ebbe pochi mesi dopo l’ingresso nella nuova casa da parte della famiglia.  
Dopo cena, Rosina si trovava nella sua stanza da letto quando udì bussare alla sua porta. Si affacciò al corridoio, ma non vide nessuno. Incuriosità, prese dalla stanza una candela e fece alcuni passi fuori dalla stanza. Ad un certo punto, nell’oscurità, intravide la sagoma di una donna, alta, vestita di nero che scendeva lentamente le scale. Rosina cercò di seguirla, ma la candela si spense improvvisamente, lasciandola nel buio più totale. 

Nell’arco dei successivi tre anni, Rosina vedrà la donna più di una dozzina di volte. La misteriosa figura compiva sempre lo stesso percorso: scendeva le scale, si muoveva verso la sala da pranzo, vi rimaneva diversi minuti osservando il giardino dalla finestra e poi scompariva uscendo dalla porta principale.

Rosina cercò in diverse occasioni di comunicare con l’entità, ma senza alcun risultato. Provò anche con il linguaggio dei segni, ma la donna sembrava incapace di parlare. Tuttavia lo spirito sembrava cosciente dell’ambiente che lo circondava, ed era in grado di evitare ostacoli e persone che si frapponevano al suo percorso. Quando veniva bloccata, diventava incorporea e si dissolveva nel nulla.

Nonostante Rosina fosse la testimone più frequente delle apparizioni, anche gli altri membri della famiglia ebbero modo di incontrare la misteriosa donna fantasma. Una notte la sorella minore Edith si trovava nella sala da pranzo a suonare il pianoforte quando apparve il fantasma. Dopo aver chiamato Rosina, tutte e due inseguirono la donna, finchè non scomparve come sempre nel giardino, al termine della sua passeggiata nella casa. 

Altri membri della famiglia ebbero modo di vedere la strana figura vagare nel giardino di casa, attraverso le finestre del primo piano. Una notte la terza sorella ebbe modo di assistere a strani comportamenti del cane di casa. In un primo momento l’animale scodinzolò verso un punto nel giardino in cui non vi era nulla, come se fosse in attesa di essere accarezzato. Pochi istanti dopo, sempre puntando lo stesso punto vuoto, si ritirò su se stesso abbaiando spaventato.

L’infestazione attirò l’interesse di Frederic W.H. Myers della Società per la Ricerca Psichica (SPR) nel Dicembre del 1884. Myers visitò più volte la famiglia e regalò a Rosina una macchina fotografica, così che potesse fotografare la donna fantasma. Purtroppo però, tutti i tentativi di impressionare quell’immagine sulla pellicola risultarono vani.

Gli avvistamenti della donna diminuirono drasticamente dopo il 1887. Nelle ultime apparizioni, la figura appariva così solida che in diversi casi venne scambiata per una persona reale. I Despards non furono mai in grado di determinare se la donna fosse in grado di tracciare ombre, ma dichiararono che la luce non la attraversava.

Studi successivi identificarono il fantasma come quello di Imogen Hutchins, la seconda moglie di Mr. Swinhoe, sulla base di alcune fotografie d’epoca. Pare che Imogen amasse molto, quando viveva in quella casa, soggiornare nella sala da pranzo e guardare il giardino dalla finestra.

I Despards lasciarono la casa di Cheltenham nel 1893. Nel 1898 la casa venne adibita a scuola. Durante questo periodo, diverse persone testimonieranno di aver visto in pieno giorno una misteriosa donna apparire dal nulla, scendere le scale, attraversare la porta di ingresso e scomparire nel giardino.