Fantasmi e Paranormale: Il Fantasma di Charlton House

Charlton House si trova a Greenwich vicino Londra ed è un edificio  che negli anni è stato oggetto di numerose investigazioni da parte di ricercatori paranormali.  Al suo interno, infatti, sono stati registrati numerosi fenomeni misteriosi e alcuni di questi sono stati ripresi “dal vivo” durante una trasmissione televisiva.

Charlton House venne costruita in uno stile rinascimentale nei primi decenni del 17esimo secolo da Adam Newton un tutore reale, che poi la cedette a Sir William Langhome, governatore del Madras in pensione. Langhome visse in Charlton House fino alla sua morte nel 1715 , all’età di 85 anni. Si dice che il suo fantasma vaghi ancora oggi per le stanze della casa, spalancando di tanto in tanto le porte delle stanze da notte. 

Un altro fantasma più volte avvistato tra i corridoi è quello di una infermiera, vestita con abiti antichi, che porta in braccio un bambino morto. Charlton House, durante la prima guerra mondiale venne trasformato in ospedale e alcune zone furono seriamente danneggiate dai bombardamenti. Una stanza, che si dice sia la più infestata dell’edificio, venne tenuta chiusa per più di vent’anni. Quando gli operai la riaprirono per iniziare i lavori di restauro, vi trovarono il cadavere mummificato di un bambino murato nel condotto del camino.

Oggi Charlton House è gestita dal Greenwich Borough Council che l’ha trasformata in una biblioteca pubblica. Molti impiegati e visitatori hanno raccontato di aver assistito a fenomeni paranormali al suo interno, principalmente al terzo piano, dove si trovano due stanze chiamate Grand Salon e Long Gallery. 

Altri fantasmi sono quelli di un maggiordomo indiano, che ama pizzicare i fondoschiena delle donne e di conigli fantasma, la cui presenza è probabilmente dovuta ad una RABBIT HUTCH tenuta nella Long Gallery.

Investigatori, tra cui quelli appartenenti all Società Per la Ricerca Psichica (SPR),  all’Associazione per lo Studio Scientifico di Fenomeni Anomali (ASSAP) e al Ghost Club, hanno tenuto veglie al suo interno. Inspiegabili rumori di esplosioni sono stati registrati durante la notte, insieme a improvvisi movimenti di oggetti che sembravano lanciati in aria da forze invisibili. Sono state anche udite strane e incomprensibili voci provenire dal fondo dei corridoi.

Nel 1995, una trasmissione televisiva inglese del canale BBC che trattava di fenomeni paranormali, decise di registrare una puntata all’interno di Charlton House. I partecipanti, ripresi dalle telecamere, si accamparono nella Long Gallery per trascorrere l’intera nottata all’interno dell’edificio. La stanza venne tenuta in totale oscurità, fatta eccezione per una torcia.

Intorno alle 23,00 si udì una fortissima esplosione provenire dal fondo della stanza. Impauriti, i partecipanti fecero accendere tutte le luci. Al centro della stanza venne rinvenuta una teiera blu e bianca, spaccata in sette pezzi posizionati a forma di circonferenza sul pavimento.
Nessuno sapeva da dove provenisse l’oggetto e inoltre nell’edificio non erano presenti teiere con quelle decorazioni. Ancora più intrigante era però il modo in cui i pezzi erano stati disposti sul pavimento: se la teiera fosse caduta dall’alto, infatti, i frammenti si sarebbero sparsi per tutta la sala in maniera casuale. In seguito furono effettuati esperimenti con teiere simili fatte cadere da diverse altezze. In nessun caso fu possibile ottenere i pezzi in quella posizione circolare così perfetta.

Il suono esplosivo venne catturato dalle telecamere ed analizzato dai tecnici della BBC. Si concluse che il suono era quello di una vera esplosione, e in nessun caso riconducibile al suono di una teiera che cade. Non vennero inoltre riscontrati segni di manipolazione nei filmati.

Il 30 Luglio 1999, durante una veglia tenuta dei membri del Ghost Club nelle stanze di Charlton House si udì nuovamente lo stesso suono di esplosione. Contemporaneamente, un oggetto di prova collocato al centro della stanza, si alzò improvvisamente a mezz’aria per poi ricadere a terra in mille pezzi. 

Si decise quindi di tenere una seduta spiritica nella stanza e, come raccontato dai testimoni, furono identificati più di cinque spiriti presenti tra quelle mura.