Ufo e Alieni: Gli Alieni ladri di Bestiame

 

Il 23 Aprile 1987, lo Yates Center Farmers Advocate, un giornale locale del Kansas, pubblicò un articolo su dei ladri di bestiame interplanetari. Vi erano tre testimoni, di cui il più importante era Alex Hamilton, un allevatore di LeRoy, il quale dichiarò quanto segue: “Fummo svegliati in piena notte da uno strano rumore che proveniva dai miei campi. Mi recai alla porta e, con mia grande meraviglia, vidi che uno strano dirigibile stava lentamente atterrando nel recinto delle mucche. Chiamai il mio inquilino Gid Heslip e mio figlio Wall, spostammo alcune assi di legno della recinzione e ci recammo verso lo strano mezzo.  
Arrivati a circa cinquanta metri dalla nave, notammo che non era di questa terra: La sua forma era a sigaro, con una struttura sul fondo, come un abitacolo, in materiale trasparente. Questa parte finale era illuminata, ed era possibile vederne l’interno. Essa era occupata dagli esseri più strani che avessi mai visto!  Vi erano due uomini, una donna e tre bambini. Parlavano tra di loro, ma non riuscivamo a comprendere una parola di quello che dicevano. Ad un certo punto si accorsero della nostra presenza, e puntarono verso di noi una sorta di faro. Ci allontanammo rapidamente e nella fuga notammo che uno dei miei vitelli era legato con una lunga corda allo scafo dell’astronave. Gli alieni tentarono di tagliare il cavo, ma non riuscendovi si allontanarono con l’animale ancora legato. Il giorno successivo uno dei miei vicini trovò i resti macellati del vitello molti chilometri distanti dal recinto”.
Allegato al racconto vi erano dichiarazioni di diverse figure di spicco del paese, che testimoniavano la buona fede e la sincerità di Hamilton. Diversi anni dopo, quando l’articolo venne riscoperto da ricercatori UFO, esso venne più volte proposto come esempio del classico incontro ravvicinato del terzo tipo.

Diversi anni dopo, la psicologa Susan Marie Powers, studiò le affermazioni di una donna che dichiarava di essere stata rapita dagli extraterrestri diverse volte a distanza di tempo. Una volta, mentre si trovava a bordo dell’UFO, vide gli occupanti alieni prendere con una sorta di lazzo una mucca, tirarla all’interno della nave ed estrarre da essa il sangue. “Vidi il sangue riempire dei tubi e poi finire all’interno di una grande cisterna”, disse la donna. “Gli occhi della mucca si spensero e capii che era morta. Una volta terminato il processo, volammo indietro e gettammo i resti della mucca dove l’avevamo presa. I piccoli uomini (gli alieni n.d.) non mangiano carne. Loro portano solo via il sangue”.

Un’altra rapita, Judy Doraty del Texas, raccontò sotto ipnosi di aver visto chiaramente un vitello levitare all’interno di un UFO nel 1973. L’equipaggio umanoide dalla pelle grigiastra sezionò l’animale ancora vivo, apparentemente per studiarne gli organi.

Secondo l’ufologa Linda Moulton Howe, nel 1989 un allevatore di Waco – Texas, scoprì due esseri umanoidi con grandi occhi a mandorla e dalla pelle verdacea mentre stavano portando via uno dei suoi vitelli. Spaventato, l’allevatore fuggì lontano e il giorno dopo, quando tornò sul luogo, trovò le ossa del povero vitello e parte della sua pelle, rivoltata come un guanto.